Chi Sono

La sfida

2015 Reading Challenge

2015 Reading Challenge
Virgilia has read 0 books toward a goal of 60 books.
hide
Powered by Blogger.

Post più popolari

Chi Mi Segue

2 febbraio 2016
Oggi parlerò di una storia che è dalla data d'uscita che permane nella top 10 dei titoli più venduti, scritta da un autore che, a parer mio non scrive semplicemente ma comunica all'anima, e riscopre quei valori che si perdono veloci così come il trascorrere del tempo.
Scopriamo insieme di quale titolo sto parlando.


È dura per un cane lupo vivere alla catena, nel rimpianto della felice libertà conosciuta da cucciolo e nella nostalgia per tutto quel che ha perduto. Uomini spregevoli lo hanno separato dal suo compagno Aukamañ, il bambino indio che è stato per lui come un fratello. Per un cane cresciuto insieme ai mapuche, la Gente della Terra, è odioso il comportamento di chi non rispetta la natura e tutte le sue creature. Ora la sua missione – quella che gli hanno assegnato gli uomini del branco – è dare la caccia a un misterioso fuggitivo, che si nasconde al di là del fiume. Dove lo porterà la caccia? Il destino è scritto nel nome, e questo cane ha un nome importante, che significa fedeltà: alla vita che non si può mai tradire e anche ai legami d’affetto che il tempo non può spezzare.

Un cane lupo, caduto nella fredda neve, dalla borsa di alcuni uomini mentre si inerpicavano su una scarpata, nessuno si accorse di averlo perduto nel tragitto e nella neve e nel vento si persero i suoi guaiti. Portato al riparo in una grotta da Nawel, il giaguaro che si prese cura di lui, fin quando pensò fosse giunta l'ora di affidarlo ai Mapuche, la Gente delle Terra.

"Questo cucciolo ha dimostrato lealtà a MONWEN, la vita, non ha ceduto al comodo invito di LANKONN, la morte, perciò si chiamerà AUFMAN, che nella nostra lingua significa leale e fedele"

Crebbe con Aukaman, il cucciolo di uomo, ma per Aufman non era solo un compagno, era il suo Peni, suo fratello.

La vita però riserva ai Mapuche una grande sorpresa, mentre Wenchulaf narra una delle tante storie da lui conosciute ai bambini mapuche, un veicolo si ferma, al suo interno ci sono un branco di Wingka, gli estranei, i quali pretendono che gli autoctoni lascino le loro terre...

A questa richiesta Wenchulaf si oppone, ma ciò che ottiene in risposta è la morte, il giovane Aufman, identificato dai Wingka come un "buon cane" viene strappato dalle braccia del giovane Aukaman, e da quel giorno le sue ore saranno scandite dalle numerose frustate che i Wingka gli riserveranno.

Una sera però, dopo aver ricevuto le usuali frustate, una piccola Kudemallu, una lucciola, si posa sull'umido nasino di Aufman e gli rivela qualcosa che riapre in lui la speranza.

"Nella mia testa di cane c'è un'idea che posso spiegare solo con i miei gesti e movimenti canini, perchè al principio  dei tempi il Ngunemapo (essere superiore che comanda su tutto ciò che è vivo al mondo) ha disposto che gli animali e gli uomini non si capissero parlando ma attraverso i sentimenti espressi dal modo di guardare"

Ancora una volta Luis Sepulveda dà vita ad un'opera che rimarrà custodita nel mio cuore.

MARICHIWEN PENI


2 commenti:

  1. Ciao
    ho appena letto questo libro. Mi è piaciuto tantissimo, una bella favola/storia.

    RispondiElimina
  2. Già Robby, una storia che entra senza chiedere permesso!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Selene Legge

Cosa Ne Penso

uppix

Categories

Archivio

Persone Che Seguo

Banner

Image hosted by uppix.net

Gemellaggio

tinypic