Chi Sono

La sfida

2015 Reading Challenge

2015 Reading Challenge
Virgilia has read 0 books toward a goal of 60 books.
hide
Powered by Blogger.

Post più popolari

Chi Mi Segue

29 maggio 2016
Buona Domenica, pronti per conoscere una nuova trama? Eccovi serviti!


L’ENIGMA DEL BATTISTA

Cosa lega la giovane Alessia Lamb, erborista italo/irlandese di ventisei anni, e Alice Kyteler, una gentildonna vissuta a Kilkenny, in Irlanda, nel 1300? Perché Alessia, dopo settecento anni, si ritrova a percorrere la strada tracciata per lei da una donna accusata di stregoneria?

Italia, 2012
È il 24 giugno 2012 e Alessia Lamb è nella sua erboristeria, in Italia. Quello è il giorno del suo compleanno ed è, anche, il giorno in cui la sua vita cambierà per sempre. Riceve una telefonata da un avvocato di Dublino, che la convoca in Irlanda perché qualcuno l’ha nominata erede universale dei suoi beni. Alessia ha lasciato l’Italia tanti anni prima e lì non ha più parenti. Sua nonna e suo padre sono morti in un incidente automobilistico tanti anni prima e, sull’Isola, lei non ha altri parenti. Tuttavia, incuriosita, accetta l’invito e, una volta a Dublino, le viene consegnata una busta, nella quale c’è una storia che la riporta a settecento anni indietro. Scopre che la persona che le ha lasciato quella busta custodiva i ricordi di una nobildonna , vissuta in Irlanda nel 1300: Alice Kyteler.

Kilkenny, Irlanda, 1324
Settecento anni fa, il primo processo per stregoneria, quale reato assimilato all’eresia, ebbe luogo in Irlanda. L’anno in cui accadde era il 1324 e la città in cui avvenne fu quella della ridente Kilkenny, centro commerciale molto importante nel XIV secolo. In quel periodo la stregoneria veniva accomunata all’eresia e per questo motivo era sottoposta al diritto ecclesiastico, invece che al diritto temporale (che la trattava come comune crimine). Il caso fu caratterizzato anche da meschine gelosie e dalle diatribe personali che caratterizzavano i processi di quel tempo.  Alice Kyteler. Chi era costei? Era una ricchissima nobildonna, una druidessa, o era, davvero, una strega?
Anche se qualcuno la descrive come una donna pericolosa e brutta, Dame Alice Kyteler (o Kettle), probabilmente doveva essere una donna bella e avvenente e questa supposizione è avvalorata dal fatto che si sposò per ben quattro volte e, ogni volta, con uomini ricchissimi e importanti, oltre che nobili.
A diciotto anni Alice sposò William Outlawe, ricco mercante e banchiere, socio in affari di suo padre, fratello di Roger Outlawe, un Cavaliere di San Giovanni di Gerusalemme, priore della Commanderia di Kilmainham .
Un templare, dunque.
Alice aveva ricevuto un’educazione adeguata al suo ceto; era una donna molto intelligente, colta e ambiziosa e, dopo la morte del padre, avvenuta poco dopo il suo matrimonio, non avendo altri fratelli, ereditò tutti i beni di famiglia, entrando, grazie al matrimonio con William Outlawe, in contatto con i depositari del potere finanziario di quel secolo.
All’inizio del 1300 Alice decise di trasformare l’ostello di famiglia, il Kyteler’s Inn, in un punto di ritrovo per uomini e donne dediti all’Antica Religione, considerati eretici e adoratori del demonio. Tre anni dopo il matrimonio William Outlawe morì in maniera misteriosa, suscitando pettegolezzi e congetture, che attirarono l’attenzione della gente di Kilkenny su Alice, considerata malefica e adoratrice di un demone: Robin Artisson, con il quale aveva frequenti rapporti sessuali e dal quale, pare, si fosse fatta aiutare per avvelenare suo marito. Si cominciò a vociferare che nella locanda si svolgessero riti satanici e che all’interno della stessa fossero nascosti oggetti “molto importanti e pericolosi”.
Poco dopo Alice si risposò con Adam le Blond, un ricco banchiere di Callan e il matrimonio fu più duraturo del precedente. Era ancora sposata con lui, quando, nel 1307, l’ordine templare fu sciolto con la grave accusa di eresia. Durante la loro fuga, i cavalieri esuli approdarono a Kilkenny e trovarono riparo nella Kyteler’s Inn, che funzionò anche come centro organizzativo per molti di loro.
Nel 1310, a causa di un’indigestione, (così sembrerebbe), Adam le Blond morì e anche questa volta Alice Kyteler fu accusata di aver procurato la sua morte con il veleno.  L’anno successivo la donna si sposò per la terza volta con un ricco e anziano nobile e ricco mercante di origini francesi, legato al mondo monastico dei Templari e degli Ospitalieri. Cinque anni dopo, di nuovo vedova, Alice era diventata la donna più ricca e influente di Kilkenny e della stessa Irlanda. Nello stesso periodo salì al trono pontificio Papa Giovanni XXII, il Papa che emanò la bolla Super Illius Specula, che introdusse tra le eresie più pericolose anche la stregoneria e che decretò la condanna a morte delle streghe. 
Nel 1320 Alice si risposò per la quarta volta (ormai aveva quarant’anni), con John le Poer, un ricco nobile di Kilkenny, che aveva perso la testa per lei e che, nonostante conoscesse la cattiva fama della donna, la corteggiò fino a quando lei non acconsentì alla sua richiesta di matrimonio.  Quando l’anziano iniziò a perdere i peli e le unghie, una cameriera lo convinse che Alice Kyteler lo stesse avvelenando e lui denunciò la moglie davanti al vescovo Richard de Ledrede, un francescano inglese che mal aveva accolto la nomina nella Diocesi di Ossory, e che non esitò nemmeno un attimo, prima di avviare un processo inquisitorio, il primo in Irlanda e uno dei primi in assoluto in Europa, contro la donna e i suoi presunti complici. Perché questi uomini si levarono contro il vescovo, per difendere una donna accusata di aver procurato la morte e l’avvelenamento di loro congiunti diretti? Perché il vescovo voleva impossessarsi di tutti i beni di Alice e fece perquisire la sua casa e le sue proprietà più volte? Qual era la vera posta in gioco? Che cosa cercava il francescano inglese, che ben conosceva i rapporti fra la donna e gli esuli templari?  Chi era davvero la strega di Kilkenny, e quale segreto custodiva, insieme alla sua gente? Quale enigma dovrà risolvere Alessia Lamb, per arrivare alla verità? Fra Italia, Irlanda e Scozia, una storia avvincente e piena di suspence, basata su una storia vera. 

Lorena Marcelli, nata nel 1965,  vive in Abruzzo, dove lavora presso un Ente pubblico. Laureata in Giurisprudenza, scrive dal 2011 e ha vinto diversi concorsi nazionali, anche con importanti Case Editrici.
  
Concorsi vinti :
       Anno 2013 – Entra anche tu in Sperling Privè  – Casa Editrice Sperling & Kupfer  - Da marzo 2014 ad oggi pubblicati i seguenti titoli nella collana “Sperling Privè” :

     “Uno strano scherzo del destino” – Anno 2014  (Nel 2016 sarà tradotto anche in inglese e tedesco) – pubblicato in digitale e  cartaceo - Tradotto in tedesco e in uscita a settembre 2016

      “Per averti” – Anno 2014 - pubblicato in digitale e  cartaceo
  “Avrò cura di te” – Anno 2015 – pubblicato in digitale

       Anno 2014 – Concorso nazionale 50° Marcelli Editore di Ancona ( omonimia puramente casuale)
        Primo posto assoluto con il Thriller storico “L’enigma del Battista” – Pubblicato nel mese di dicembre 2014 e seconda edizione nell’aprile 2015


Altre pubblicazioni in digitale:
       Settembre 2015 – Casa Editrice EEE – Romanzo di narrativa  “La Collina dei Girasoli”
 

0 commenti:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Selene Legge

Cosa Ne Penso

uppix

Categories

Archivio

Persone Che Seguo

Banner

Image hosted by uppix.net

Gemellaggio

tinypic